Back to Question Center
0

Non lasciare che i dati guidino il tuo marketing dei contenuti

1 answers:

Troppe persone si vantano di fare "content marketing basato sui dati", ??. e stanno perdendo l'aspetto più importante, l'elemento umano.

Ci sono volte in cui devi buttare via i dati, e prendere decisioni basandoti sul tuo istinto. Piuttosto che essere guidati dai dati, perché non lasciare che la casualità casuale e la serendipità facciano la loro cosa una volta ogni tanto.

Le persone che sono guidate dai dati non prenderanno mai una decisione senza consultare l'oracolo di analisi e, di conseguenza, perderanno grandi opportunità perché i dati non hanno dato loro il permesso - telemedicine system.

I dati dovrebbero misurare quello che stai facendo e dirti se lo stai facendo bene o no. I dati non dovrebbero prendere le tue decisioni per te. Non lavori per i dati, funziona per te. Se sei una di quelle persone che consulta i fogli di lavoro su dove andare a pranzo, per non parlare del tipo di contenuto da pubblicare, aprire un po 'e provare qualcosa di nuovo.

Content Marketing inizia con Small Blocks

Don’t Let Data Drive Your Content Marketing
Innanzitutto, la creazione di contenuti non è difficile. Si inizia con piccoli elementi â € "un post sul blog, un tweet, una foto o un video di due minuti. Non si tratta solo di white paper di 30 pagine o webinar di 2 ore.

Ogni dodicenne Lego builder può mostrarti incredibili creazioni costruite con il più piccolo dei blocchi. Alla fine, tutti si combineranno per alcune creazioni epiche su larga scala che sono state messe insieme un blocco alla volta.

Questo è vero sia per Legos sia per quel singolo pezzo di contenuto che ti sei tormentato per "testato, revisionato, testato A / B, sottoposto a revisione del comitato" ¢ Â €. Â "per le ultime tre settimane. Puoi costruire una grande campagna con un sacco di piccoli blocchi in un modo che non puoi con cinque lastre giganti.

Quando si tratta di piccoli blocchi di contenuti, non c'è tempo per i dati di dirti che cosa dovrebbero dire ogni singolo post e tweet. Se lo fai, stai complicando le cose.

I tuoi dati dovrebbero influenzare il tema generale di quei blocchi di contenuti, ma l'intuizione umana dovrebbe essere la forza trainante. I dati dovrebbero dirti se sta funzionando.

A volte basta ignorare i dati

Alcuni anni fa stavo lavorando con un cliente il cui specialista SEO aveva creato un calendario editoriale basato su dati e previsioni SEO. Abbiamo deciso di ignorare la scrittura del loro prodotto e delle loro macchine per l'ennesima volta. Uno dei loro concessionari ha lavorato molto con le barche, quindi abbiamo pensato di vedere cosa sarebbe successo se avessimo scritto qualcosa di simile.

"Nessuno visita il nostro sito sulle barche". ha detto lo specialista SEO, citando i dati.

"Questo è perché non abbiamo mai scritto sulle barche",. Ho detto.

Due mesi dopo, il post delle nostre barche era la seconda pagina più visitata dell'intero blog, dietro la pagina principale. E il traffico totale per i prossimi tre post non ha eguagliato quello delle barche.

Se avessimo ascoltato i dati, non avremmo mai scritto sulle barche. Se avessimo lasciato che i dati guidassero, avremmo perso una grande opportunità. Per quanto ne sappiamo, il cliente è stato una delle poche aziende a parlare di questo particolare problema, e ne ha beneficiato notevolmente.

Quando lasci che i dati guidino i tuoi contenuti, sei a un solo passo da "abbiamo sempre fatto così. â € ??. È quando le cose diventano super-noiose e il pubblico lascia o muore nel sonno.

Per anni, i dati hanno detto ai web editor che volevano post più brevi e più brevi, fino all'inizio del movimento #longreads. Ora le persone stanno scavando in 2.000 â € "10.000 storie di parole e si attaccano con loro fino alla fine amara. â € "I datiâ ??. ci ha detto che la gente non voleva storie lunghe, ma ora â € "i dati â €?. ci sta mostrando quanto fosse sbagliato.

Se la gente avesse ascoltato "i dati". la prima volta, l'arte della scrittura in forma lunga potrebbe essere scomparsa per molte persone. com e Grantland. com, il sito web di ESPN creato per soddisfare la crescente domanda di storie lunghe.

Se hai mai abbandonato un'idea di una storia perché i dati non la sostenevano, ignorare i dati, pubblicare la storia e vedere cosa succede. La cosa peggiore che accadrà è "nulla. "

Nulla cambierà, nulla si muoverà. Nessuno abbandonerà il tuo marchio perché hai scritto un singolo post sul blog che deviava dal calendario editoriale basato sui dati. Ma potresti trovare una nuova vena ricca di idee e argomenti che puoi estrarre per settimane e mesi.

Se stai permettendo ai tuoi dati di guidare il tuo calendario dei contenuti, la persona sbagliata si trova nel posto di guida. Hai persone creative per una ragione. Prendi le chiavi lontano dai contatori di fagioli e lascia che le creatività vadano a lavorare, e poi misuri i loro risultati. Vediamo cosa succede se si mettono prima i dati e le idee, e le persone.

Contenuto correlato:

  1. Fast Company non sa che è possibile calcolare il ROI dei social media
  2. (. 57) Search and Social: A Partnership for the Ages
  3. I nuovi strumenti di automazione del marketing brillanti non riescono a risolvere Sucky Content
  4. . La leggenda di John Henry Versus the Steam-Powered Content Machine
  5. No A Party come un PERQ Launch Party
Better Related Posts. Plugin
0
April 19, 2018